Cultura e SocietàFeatured

Bugo torna con il nuovo brano “Per fortuna che ci sono io”

Da oggi, venerdì 1 marzo, è disponibile in digitalePer fortuna che ci sono io, il nuovo brano del rivoluzionario cantautore Bugo, che anticipa l’omonimo album di inediti in uscita il 15 marzo (7 srl/ADA Music).

Il videoclip di “Per fortuna che ci sono io, per la regia di Mehmet Gurkan, nasce da un’idea di Bugo, prodotto da Memo Media Production SRLS P&C 2024 7 srl. Il direttore della fotografia è Lucia Fontana mentre l’operatore camera è Mauro Gianesini. Il video è stato girato all’interno dell’Allianz Stadium di Torino. È attivo il pre-order del nuovo album “Per fortuna che ci sono io” .

“Per fortuna che ci sono io” è come un manifesto, un grido di libertà. Attraverso il testo e i riff di chitarra, BUGO fa sapere al mondo chi è veramente e come sempre lo fa nel suo stile, senza filtri e senza compromessi.
«Scegliere lo stadio della Juventus per girare il videoclip di “Per fortuna che ci sono io” è stata una decisione del cuore. Un luogo intimo in cui mi sento a casa, perfetto per esprimere le sensazioni che canto. Il brano, infatti è la mia reazione a questi ultimi anni. È la prima canzone nata per questo nuovo album: un inno alla vita, un tributo alla forza dell’animo umano – dichiara BUGO – E continuerò a cantare, a lottare, a vivere ogni istante con tutta l’intensità di cui sono capace. Perché per fortuna che ci sono io, e non smetterò mai di essere me stesso».

La copertina del brano e le foto sono del fotografo Mehmet Gurkan – Memo Media Production.
Cristian Bugatti, noto come Bugo, è nato a Rho (MI) nel 1973, ma è cresciuto a Cerano (NO). Ha iniziato la sua carriera nel circuito musicale alternativo, debuttando con l’album “La prima gratta” nel 2000, seguito da “Sentimento westernato“. Nel 2002 ha firmato con una major e ha ottenuto visibilità nazionale con l’album “Dal lofai al cisei“, ricevendo dalla stampa il soprannome di “fantautore”. Nel 2004 ha pubblicato l’album “Golia & Melchiorre“, seguito nel 2006 da “Sguardo contemporaneo”.

Nel frattempo, ha continuato l’intensa attività live. Il 2008 è l’anno che ha rappresentato una svolta con l’uscita dell’album “Contatti“. Nel 2011, il suo album “Nuovi rimedi per la miopia” è diventato colonna sonora del film “Missione di pace” di Francesco Lagi, presentato al Festival del Cinema di Venezia. Bugo viene riconosciuto come uno dei grandi della musica italiana dal giornale britannico The Guardian ed è stato definito “l’inafferrabile rivoluzionario della canzone italiana” dalla rivista Rolling Stone.

Nel 2016 ha pubblicato l’album “Nessuna scala da salire“, che raggiunge la prima posizione nelle vendite dei vinili. Nel 2018, è uscito “Rockbugo“, la sua prima raccolta ufficiale con brani riarrangiati in chiave rock. Nel 2020, viene pubblicata la “Platinum collection” che include i suoi brani più rappresentativi. Bugo ha partecipato come concorrente nella categoria big al Festival di Sanremo nell’edizione 2020 e sempre nel 2020 ha pubblicato l’album “Cristian Bugatti”.

Nel 2021 è tornato sul palco del Festival di Sanremo, con il brano “E invece si” e nello stesso anno ha pubblicato la riedizione “Bugatti Cristian”. Nel 2022 è stato il conduttore del concertone del Primo Maggio. Nel 2024 è nato “Bugo Podcast”, il podcast online su Spotify, che racconta la sua carriera e non solo. Oltre alla musica, Bugo continua a coltivare la sua passione per lo sport, in particolare il calcio, sostenendo gli obiettivi solidali della Nazionale Italiana Cantanti sia dentro che fuori dal campo.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio