CronacaFeatured

Maltrattamenti su minore disabile Albano, insegnante sospesa tre mesi

auto-polizia-2 Sono stati gli investigatori della Polizia di Stato di Albano a eseguire una misura cautelare interdittiva della sospensione dell’esercizio delle funzioni ad un assistente educativa culturale per la durata di tre mesi, emessa dall’Autorità Giudiziaria di Velletri. La donna si sarebbe resa responsabile di maltrattamenti nei confronti di un ragazzino disabile, affetto da sindrome di down e che frequenta la prima media in una scuola statale di Albano.
INSEGNANTE – L’insegnante, avrebbe avuto l’abitudine di punire il bambino colpendolo  con un grosso  righello di metallo. In alcune occasioni l’avrebbe schiaffeggiato e ingiuriato, provocando nel bambino uno stato di angoscia con una regressione dello sviluppo cognitivo. Gli investigatori, con l’ausilio di una psicologa della Polizia di Stato,  hanno raccolto le testimonianze dei compagni di classe e delle persone informate sui fatti, che hanno confermato i continui maltrattamenti subiti dalla vittima.
INDAGINI – A conclusione delle indagini, il Pubblico Ministero della Procura di Velletri ha richiesto una Misura Cautelare Interdittiva, concessa dal Tribunale Ufficio GIP, avendone valutato la sussistenza dei gravi indizi di colpevolezza nei confronti dell’assistente educativa culturale.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio